squalo net

Differenza tra zanzariere plissettate o normali

Per chi già possiede delle zanzariere nella propria abitazione, o per chi avesse intenzione di montarle, ma anche per coloro che con quelle già in possesso hanno qualche disagio.

Conoscere la differenza tra zanzariere plissettate o normali, potrebbe essere molto utile. Infatti nella maggior parte dei casi il tipo di zanzariera utilizzata è quella tradizionale, anche se sta avendo un buon impatto la tipologia plissettata.

La zanzariera che è un prodotto davvero utile, dato che permette il passaggio dell’aria ma evita che entrino in casa insetti che potrebbero dare fastidio. La scelta della zanzariera più adatta alle proprie esigenze spesso si rivela come qualcosa di difficoltoso.

Infatti la tendenza molto spesso manifestata dal cliente è quella di cercare di spendere poco: un desiderio sicuramente ragionevole e da considerare, viste le condizioni economiche esistenti.

Ma quando si tratta di benessere, oltre al prezzo è necessario considerare la qualità del prodotto e in cosa si differenzia da altri di diversa tipologia:la conoscenza determina sicuramente una scelta migliore e più adatta.

Ma vediamo in cosa consiste la differenza tra zanzariere plissettate o normali, ovvero le due tipologie che più sono presenti nei diversi locali abitativi e non.

zanzariera plissettata

Le zanzariere normali

Cominciamo da quelle che forse tutt’oggi sono le più acquistate ed utilizzate, ma che non significa, così come vedremo più avanti, siano le migliori.

Non si tratta comunque di screditare un prodotto rispetto ad un altro, poiché alla fine è sempre il cliente che sceglie secondo le proprie aspettative.

Le zanzariere normali sono quelle che hanno conosciuto un certo sviluppo negli anni scorsi, in quanto risultavano utili sotto diversi aspetti.

Garantire il passaggio dell’aria, evitare l’introduzione di insetti e pertanto comportando un certo benessere.

La loro installazione prevede il montaggio di un telaio e una guida, che permetta lo scorrimento della rete della zanzariera.

Una fase di lavoro che deve essere svolta con molta attenzione, anche in quei casi in cui ci siano delle situazioni di fuori squadro.

Serve anche una buona precisione anche nell’installazione del cassonetto in cui si avvolge la rete grazie al sistema a molla.

Ed è proprio questo meccanismo che caratterizza principalmente le zanzariere normali, poiché la loro apertura e chiusura viene appunto concepita da un sistema che la fa stare completamente chiusa o aperta.

Alcuni svantaggi delle zanzariere normali

Ciò che però nel corso del tempo e del loro utilizzo, è stato notato, è in qualche modo la “fragilità” di questo tipo di prodotto.

Infatti la molla molto facilmente comporta degli scatti improvvisi che rendono poco fluida e pratica l’apertura e la chiusura:

  • frequenti scatti improvvisi: che comportano anche qualche piccolo incidente al cliente, in quanto non preparato e non si aspetta un movimento del genere:
  • difficoltà di utilizzo: le guide infatti, con l’accumulo di polvere e sporco, possono divenire meno fluide e quella tensione provocata dalla molla, generare appunto degli scatti che non sono molto graditi;
  • Inoltre molto spesso capita, che il forte vento o una cattiva cura del prodotto generi anche qualche disagio, come quello che vede il distaccamento della rete dal telaio.

Ciò è dovuto anche ai molti solleciti della molla sulla rete che non mantiene nel tempo una distensione omogenea. I  maggiori nemici della zanzariera a molla risultano spesso i bambini e gli anziani, in quanto meno pronti ai solleciti della molla e che spesso si sono fatti male alle dita delle mani.

Le zanzariere plissettate

Questi prodotti, di ultima generazione, si presentano invece in maniera differente rispetto alle zanzariere tradizionali. Infatti stanno trovando riscontri positivi da parte di chi ha scelto di adottarle, poiché permettono un comfort maggiore.

Le zanzariere plissettate risultano un prodotto molto funzionale e possono essere sia verticali che orizzontali. Inoltre possono essere installate su porte, finestre, porte-finestre, anche quando si tratta di grandi dimensioni.

La loro realizzazione può anche essere ad un’anta, o due, con chiusura centrale o a seguire. Una delle caratteristiche principali delle plissettate è anche quella che vede le reti, nella massima apertura, impacchettarsi fino a quasi scomparire.

Quindi lo spazio di raccoglimento risulta davvero minimo e poco ingombrante. Nella fase opposta, quando cioè la zanzariera è chiusa, invece la rete si presenta ben tesa, omogenea e resistente agli urti.

Ci sono però dei fattori che determinano una scelta nei confronti delle zanzariere plissettate.

Le caratteristiche delle zanzariere plissettate

Come poco prima specificato, alcuni fattori sono determinanti nel rendere questo tipo di prodotto di elevata qualità e di notevole preferenza. Innanzitutto si può parlare di sicurezza, poiché questi prodotti sono dotati di un sistema di apertura controllata.

Questo meccanismo evita i classici incidenti invece provocati dal tipo di apertura a molla. Non ci sono più qui bruschi avvolgimenti, dovuti al forte vento, o al semplice tocco di un bambino.

Inoltre non necessariamente devono essere in posizione completamente aperta o chiusa, piuttosto questi due momenti possono essere regolabili a propria discrezione. Altro aspetto relativo alla sicurezza è quello che riguarda la guida sul pavimento.

Questa nelle zanzariere normali è ben visibile e pronunciata. Nelle zanzariere plissettate invece risulta di pochi millimetri, pertanto il bambino, l’anziano o il disabile in carrozzella non trova nessun tipo di ostacolo.

Altro fattore è quello relativo all’installazione, in quanto risulta pratica, veloce e semplice, permettendo anche di risolvere l’eventualità di presenze di fuorisquadro. Altro aspetto è poi quello della pulizia, infatti a differenza delle tradizionali, che per essere mantenute ben pulite pretendono anche delle operazioni di smontaggio, in questo caso tutto diventa più semplice.

Infatti la guida sulla pavimentazione la si può pulire con un normale aspirapolvere. La rete della zanzariera, grazie anche al fatto di essere realizzata con un materiale idropellente, oltre a catturare meno sporco, la si può pulire con un semplice panno imbevuto di detergente delicato.

Infine anche la manutenzione è qualcosa alla portata di tutti; infatti basta una o due volte all’anno ungere le parti meccaniche in maniera che si mantenga la fluidità dello scorrimento e ne si allunghi la durata.

Dalla differenziazione fatta, è quindi possibile individuare quale tipo di prodotto è più consono alle proprie esigenze e può garantire quel benessere che ricerchiamo.

Richiedi informazioni

Acconsento alla vostra informativa sulla Privacy e Cookie Policy